2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA
  • Gennaio

    14 Giovedi

    15 Venerdi

    21 Giovedi

    27 Mercoledi

    Giovedì 14 Gennaio  Preghiera di lode:

    Una incessante preghiera di lode e ringraziamento al Padre Celeste

    ore 20.30 in Oratorio - Latisana

    Braccia elevate e protese, lodi spontanee e sincere a Gesù, invocazioni ardenti allo Spirito Santo, canti, un suggestivo balbettio che sale di tono per poi dolcemente spegnersi come per incanto, sono la manifestazione della preghiera di lode e di ringraziamento innalzata al Padre celeste, per celebrare il suo amore infinito rivelato nel Suo figlio Gesù.

    Questa preghiera, riscoperta ardentemente dal Rinnovamento Carismatico, ripropone il modello delle preghiere praticate dai primi cristiani (cfr. 1Cor 14,26; Col 3,16-17; Ef 5,18-21; ecc.). Durante la lode, l'uomo diviene simile agli Angeli che in cielo cantano incessantemente onori a Dio.
    La lode attira, su colui che la fa, il grande amore di Dio che si manifesterà con opere concrete e meravigliose.

     

     

    ABBANDONARSI ALLA LODE?

     

    La Comunità vive sotto la potente azione dello Spirito Santo l’esperienza della preghiera carismatica di lode, libera e ispirata. Una preghiera d’amore e di ringraziamento nell’ascolto continuo e profetico della Parola di Dio, che guida la vita degli uomini verso la salvezza. La lode infonde fiducia e serenità nei cuori, per aprirli alla speranza, è un’esperienza di immersione in una cascata d’acqua viva che lava e purifica in profondità l’anima lasciandola immacolata come quella dei bambini.

    E’ l’esperienza della creatura che con semplicità si mette davanti al suo Creatore e a Lui manifesta tutta la propria riconoscenza, in un rapporto intimo e personale, in un atteggiamento di grande umiltà, riconoscendo la propria nullità: ”lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché nemmeno sappiamo che cosa sia conveniente domandare, ma lo Spirito stesso intercede con insistenza per noi, con gemiti inesprimibili; e colui che scruta i cuori sa quali sono i desideri dello Spirito, poiché egli intercede per i credenti secondo i disegni di Dio” (Rm 8,26-27).

    Serata di intercessione

    ore 20.30 – Chiesa di Latisanotta

     

     

    Ogni secondo venerdì del mese, la Comunitá Fonte di Acquaviva organizza presso la chiesa di Latisanotta una serata di intercessione.

    La Comunità eleva una preghiera di intercessione per le necessità spirituali e materiali di ognuno e di tutti coloro che si affidano alla preghiera comunitaria.

    E' un momento di comunione forte, in cui ciascuno offre la propria preghiera per i fratelli in modo da sostenersi a vicenda; il Signore, in questo scambio di amore gratuito, compie grandi prodigi!

     

     

    Giovedì 21 Gennaio  Preghiera di lode:

    Una incessante preghiera di lode e ringraziamento al Padre Celeste

    ore 20.30 in Oratorio - Latisana

    Braccia elevate e protese, lodi spontanee e sincere a Gesù, invocazioni ardenti allo Spirito Santo, canti, un suggestivo balbettio che sale di tono per poi dolcemente spegnersi come per incanto, sono la manifestazione della preghiera di lode e di ringraziamento innalzata al Padre celeste, per celebrare il suo amore infinito rivelato nel Suo figlio Gesù.

    Questa preghiera, riscoperta ardentemente dal Rinnovamento Carismatico, ripropone il modello delle preghiere praticate dai primi cristiani (cfr. 1Cor 14,26; Col 3,16-17; Ef 5,18-21; ecc.). Durante la lode, l'uomo diviene simile agli Angeli che in cielo cantano incessantemente onori a Dio.
    La lode attira, su colui che la fa, il grande amore di Dio che si manifesterà con opere concrete e meravigliose.

     

     

    ABBANDONARSI ALLA LODE?

     

    La Comunità vive sotto la potente azione dello Spirito Santo l’esperienza della preghiera carismatica di lode, libera e ispirata. Una preghiera d’amore e di ringraziamento nell’ascolto continuo e profetico della Parola di Dio, che guida la vita degli uomini verso la salvezza. La lode infonde fiducia e serenità nei cuori, per aprirli alla speranza, è un’esperienza di immersione in una cascata d’acqua viva che lava e purifica in profondità l’anima lasciandola immacolata come quella dei bambini.

    E’ l’esperienza della creatura che con semplicità si mette davanti al suo Creatore e a Lui manifesta tutta la propria riconoscenza, in un rapporto intimo e personale, in un atteggiamento di grande umiltà, riconoscendo la propria nullità: ”lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché nemmeno sappiamo che cosa sia conveniente domandare, ma lo Spirito stesso intercede con insistenza per noi, con gemiti inesprimibili; e colui che scruta i cuori sa quali sono i desideri dello Spirito, poiché egli intercede per i credenti secondo i disegni di Dio” (Rm 8,26-27).

    Mercoledì 27 Gennaio Celebrazione Eucaristica presieduta da don Daniele

    ore 20.30 chiesa Santo Spirito Pertegada

    Prima Lettura

    2Sam 7,4-17

    Io susciterò un tuo discendente dopo di te e renderò stabile il suo regno.

    Dal secondo libro di Samuèle

    In quei giorni, fu rivolta a Natan questa parola del Signore: «Va’ e di’ al mio servo Davide: Così dice il Signore: “Forse tu mi costruirai una casa, perché io vi abiti? Io infatti non ho abitato in una casa da quando ho fatto salire Israele dall’Egitto fino ad oggi; sono andato vagando sotto una tenda, in un padiglione. Durante tutto il tempo in cui ho camminato insieme con tutti gli Israeliti, ho forse mai detto ad alcuno dei giudici d'Israele, a cui avevo comandato di pascere il mio popolo Israele: Perché non mi avete edificato una casa di cedro?”.
    Ora dunque dirai al mio servo Davide: Così dice il Signore degli eserciti: “Io ti ho preso dal pascolo, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi capo del mio popolo Israele. Sono stato con te dovunque sei andato, ho distrutto tutti i tuoi nemici davanti a te e renderò il tuo nome grande come quello dei grandi che sono sulla terra.
    Fisserò un luogo per Israele, mio popolo, e ve lo pianterò perché vi abiti e non tremi più e i malfattori non lo opprimano come in passato e come dal giorno in cui avevo stabilito dei giudici sul mio popolo Israele. Ti darò riposo da tutti i tuoi nemici. Il Signore ti annuncia che farà a te una casa.
    Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile il trono del suo regno per sempre. Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio. Se farà il male, lo colpirò con verga d’uomo e con percosse di figli d’uomo, ma non ritirerò da lui il mio amore, come l’ho ritirato da Saul, che ho rimosso di fronte a te. La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a te, il tuo trono sarà reso stabile per sempre”».
    Natan parlò a Davide secondo tutte queste parole e secondo tutta questa visione.
    Parola di Dio

    Salmo 88

    La bontà del Signore dura in eterno.

    Tu hai detto, Signore:
    «Ho stretto un’alleanza con il mio eletto,
    ho giurato a Davide, mio servo.
    Stabilirò per sempre la tua discendenza,
    di generazione in generazione edificherò il tuo trono.

    Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
    mio Dio e roccia della mia salvezza”.
    Io farò di lui il mio primogenito,
    il più alto fra i re della terra.

    Gli conserverò sempre il mio amore,
    la mia alleanza gli sarà fedele.
    Stabilirò per sempre la sua discendenza,
    il suo trono come i giorni del cielo».

     

    Canto al Vangelo (Mc 4,19)
    Alleluia, alleluia.

    Il seme è la parola di Dio,
    il seminatore è Cristo:
    chiunque trova lui, ha la vita eterna.
    Alleluia.

    Vangelo

    Mc 4,1-20

    Il seminatore uscì a seminare.

    Dal Vangelo secondo Marco

    In quel tempo, Gesù cominciò di nuovo a insegnare lungo il mare. Si riunì attorno a lui una folla enorme, tanto che egli, salito su una barca, si mise a sedere stando in mare, mentre tutta la folla era a terra lungo la riva.
    Insegnava loro molte cose con parabole e diceva loro nel suo insegnamento: «Ascoltate. Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; e subito germogliò perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde tra i rovi, e i rovi crebbero, la soffocarono e non diede frutto. Altre parti caddero sul terreno buono e diedero frutto: spuntarono, crebbero e resero il trenta, il sessanta, il cento per uno». E diceva: «Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti!».
    Quando poi furono da soli, quelli che erano intorno a lui insieme ai Dodici lo interrogavano sulle parabole. Ed egli diceva loro: «A voi è stato dato il mistero del regno di Dio; per quelli che sono fuori invece tutto avviene in parabole, affinché guardino, sì, ma non vedano, ascoltino, sì, ma non comprendano, perché non si convertano e venga loro perdonato».
    E disse loro: «Non capite questa parabola, e come potrete comprendere tutte le parabole? Il seminatore semina la Parola. Quelli lungo la strada sono coloro nei quali viene seminata la Parola, ma, quando l’ascoltano, subito viene Satana e porta via la Parola seminata in loro. Quelli seminati sul terreno sassoso sono coloro che, quando ascoltano la Parola, subito l’accolgono con gioia, ma non hanno radice in se stessi, sono incostanti e quindi, al sopraggiungere di qualche tribolazione o persecuzione a causa della Parola, subito vengono meno. Altri sono quelli seminati tra i rovi: questi sono coloro che hanno ascoltato la Parola, ma sopraggiungono le preoccupazioni del mondo e la seduzione della ricchezza e tutte le altre passioni, soffocano la Parola e questa rimane senza frutto. Altri ancora sono quelli seminati sul terreno buono: sono coloro che ascoltano la Parola, l’accolgono e portano frutto: il trenta, il sessanta, il cento per uno».
    Parola del Signore

  • Febbraio

    04 Giovedì

    Febbraio

    06 Sabato

    Febbraio

    06 Sabato

    Febbraio

    12 Venerdì

    Febbraio

    17 Mercoledì

    Febbraio

    25 Giovedì

    Febbraio

    28 Domenica

    Febbraio

    Giovedi 4 Febbraio 2016  – Oratorio di Latisana ore 20.30

    COMUNITA’ IN FESTA  con TUTTI, specie bambini e famiglie

     

    Mettersi in maschera non è un obbligo ma è divertente! Raccomandiamo maschere. Non volgarità!

    Quello che ciascuno porterà verrà condiviso da tutti!

    Prima di immetterci nello spirito della Quaresima nell'Anno del Giubileo della Misericordia ci concediamo un momento di spensieratezza e gioia vivendo in modo corretto ed educato tale festa

    Come ben sappiamo la forma più gioiosa del carnevale è il travestimento nei modi di vestire, ma soprattutto del volto. Ci si nasconde nei panni di altri personaggi per sentirci più forti o belli; ci si nasconde per ottenere effetti plateali altrimenti non acquisibili; ci si nasconde per essere nella durata di un giorno più vistosi, più temuti, forse più ascoltati; ci si nasconde per altri innumerevoli motivi.

    La maschera suppone almeno due categorie significanti: è un´ "immagine" ed è un "messaggio". Come immagine rappresenta quello che uno vorrebbe essere, ma non può essere (il personaggio preferito). Come messaggio indica diversi obiettivi: verso soggetti insensibili o distratti rispetto ad esigenze e urgenze covate nella propria individualità, rimaste inconfessate, o verso soggetti sociali o individuali cui si vuol trasmettere "messaggi in codice", subliminali.

    Dunque è vera la convinzione diffusa che la maschera vela e insieme rivela. Se si va, però oltre la misura, di maschera in maschera, si arriva alla confusione, a non riconoscere più nemmeno la propria identità cadendo in una trappola illusionistica. In conclusione, non c’è niente di male a partecipare al Carnevale, anche se tutto dipende dal tono e dai contenuti della festa. Divertirsi è gradito a Dio purchè il cristiano dimostri la sua sobrietà, la sua temperanza.

     

    Il rito romano vuole che il giorno dedicato ai festeggiamenti coincida con il Martedì precedente il Mercoledì delle Ceneri (giorno d’inizio della Quaresima), tempo in cui “dalla nostra faccia devono cadere le maschere e tante volte noi siamo mascherati dal peccato. Se faremo così noi ritroveremo il coraggio del nostro volto originale, creato a immagine e somiglianza di Dio”. (Angelus 6.04.2014)

    Sabato 6 Febbraio  dalle ore 14.30 presso la Chiesa di Pertegada

     Incontro di Formazione e Preghiera  con la partecipazione di

    PADRE DERMINE e la DOTT.SSA MARCELLA PIOLI

     

     

     

    Vedi volantino (Link)

    6 Febbraio dalle 20.30 fino alle 7 del mattino successivo ci sarà l'adorazione notturna presso la  Basilica della Beata Vergine delle Grazie - Piazza I Maggio, 24 – a Udine animata da gruppi familiari, di spiritualità e di preghiera. Per ogni bambino non nato per aborto nel 2015 in Friuli, e per i suoi genitori, sarà dedicato un momento di adorazione. Alcuni sacerdoti saranno a disposizione per la confessione.

    LA NOSTRA COMUNITA’ ANIMERA’ DALLE 24 ALLE 01.00  L’ADORAZIONE NOTTURNA insieme al gruppo della Peregrinatio Mariae

    “Uno dei gravi problemi del nostro tempo è certamente il modificato rapporto con la vita. Una mentalità molto diffusa ha ormai fatto perdere la dovuta sensibilità personale e sociale verso l’accoglienza di una nuova vita. Il dramma dell’aborto è vissuto da alcuni con una consapevolezza superficiale, quasi non rendendosi conto del gravissimo male che un simile atto comporta. Molti altri, invece, pur vivendo questo momento come una sconfitta, ritengono di non avere altra strada da percorrere. Penso, in modo particolare, a tutte le donne che hanno fatto ricorso all’aborto. Conosco bene i condizionamenti che le hanno portate a questa decisione. So che è un dramma esistenziale e morale. Ho incontrato tante donne che portavano nel loro cuore la cicatrice per questa scelta sofferta e dolorosa. Ciò che è avvenuto è profondamente ingiusto; eppure, solo il comprenderlo nella sua verità può consentire di non perdere la speranza. Il perdono di Dio a chiunque è pentito non può essere negato, soprattutto quando con cuore sincero si accosta al Sacramento della Confessione per ottenere la riconciliazione con il Padre.

    Anche per questo motivo ho deciso, nonostante qualsiasi cosa in contrario, di concedere a tutti i sacerdoti per l’Anno Giubilare la facoltà di assolvere dal peccato di aborto quanti lo hanno procurato e pentiti di cuore ne chiedono il perdono. I sacerdoti si preparino a questo grande compito sapendo coniugare parole di genuina accoglienza con una riflessione che aiuti a comprendere il peccato commesso, e indicare un percorso di conversione autentica per giungere a cogliere il vero e generoso perdono del Padre che tutto rinnova con la sua presenza”.(Papa Francesco)

    Venerdì 12 Adorazione Eucaristica presieduta da don Eugenio

    Chiesa di Latisanotta – ore 20.30

    Pregheremo come indicato dal Papa per lui e per le sue intenzioni

    La preghiera di Papa Francesco per il Giubileo dedicato alla Misericodia (8/12/2015 – 20/12/2016)

    Signore Gesù Cristo,

    tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste,

    e ci hai detto che chi vede te vede lui.

    Mostraci il tuo volto e saremo salvi.

    Il tuo sguardo pieno di amore liberò Zaccheo e Matteo dalla schiavitù del denaro;

    l’adultera e la Maddalena dal porre la felicità solo in una creatura;

    fece piangere Pietro dopo il tradimento,

    e assicurò il Paradiso al ladrone pentito.

    Fa’ che ognuno di noi ascolti come rivolta a sé la parola che dicesti alla samaritana:

    Se tu conoscessi il dono di Dio!

    Tu sei il volto visibile del Padre invisibile,

    del Dio che manifesta la sua onnipotenza soprattutto con il perdono e la misericordia:

    fa’ che la Chiesa sia nel mondo il volto visibile di te, suo Signore, risorto e nella gloria.

    Hai voluto che i tuoi ministri fossero anch’essi rivestiti di debolezza

    per sentire giusta compassione per quelli che sono nel l’ignoranza

    e nell’errore; fa’ che chiunque si accosti a uno di loro si senta atteso, amato e perdonato da Dio.

    Manda il tuo Spirito e consacraci tutti con la sua unzione

    perché il Giubileo della Misericordia sia un anno di grazia del Signore

    e la sua Chiesa con rinnovato entusiasmo possa portare ai poveri il lieto messaggio, proclamare ai prigionieri e agli oppressi la libertà e ai ciechi restituire la vista.

    Lo chiediamo per intercessione di Maria Madre della Misericordia

    a te che vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli.

    Mercoledì17 Febbraio ore 20.30 Pertegada

    Celebrazione Eucaristica presieduta da don Daniele

    CON PREGHIERA DI GUARIGIONE E LIBERAZIONE

    PRIMA SETTIMANA DEL TEMPO DI QUARESIMA

    Antifona d'Ingresso

    Ricorda, Signore, il tuo nome e la tua bontà,

    le tue misericordie che sono da sempre.

    Non trionfino su di noi i nostri nemici;

    libera il tuo popolo, Signore, da tutte le sue angosce.

    Colletta

    Guarda, o Padre, il popolo a te consacrato, e fà che mortificando il corpo con l'astinenza si rinnovi nello spirito con il frutto delle buone opere. Per il nostro Signore...

     

     

    Prima Lettura

    Gio 3, 1-10

    Dal libro del profeta Giona.

    In quel tempo, fu rivolta a Giona questa parola del Signore: «Àlzati, va' a Nìnive, la grande città, e annuncia loro quanto ti dico». Giona si alzò e andò a Nìnive secondo la parola del Signore.

    Nìnive era una città molto grande, larga tre giornate di cammino. Giona cominciò a percorrere la città per un giorno di cammino e predicava: «Ancora quaranta giorni e Nìnive sarà distrutta».

    I cittadini di Nìnive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, grandi e piccoli. Giunta la notizia fino al re di Nìnive, egli si alzò dal trono, si tolse il manto, si coprì di sacco e si mise a sedere sulla cenere.

    Per ordine del re e dei suoi grandi fu poi proclamato a Nìnive questo decreto: «Uomini e animali, armenti e greggi non gustino nulla, non pascolino, non bevano acqua. Uomini e animali si coprano di sacco e Dio sia invocato con tutte le forze; ognuno si converta dalla sua condotta malvagia e dalla violenza che è nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si ravveda, deponga il suo ardente sdegno e noi non abbiamo a perire!».

    Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece.

    C: Parola di Dio.

    A: Rendiamo grazie a Dio.

    Salmo Responsoriale

    Sal.50

    RIT: Tu non disprezzi, o Dio, un cuore contrito e affranto.

    Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità.Lavami tutto dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro.

    RIT:

    Crea in me, o Dio, un cuore puro rinnova in me uno spirito saldo. Non scacciarmi dalla tua presenza e non privarmi del tuo santo spirito.

    RIT:

    Tu non gradisci il sacrificio; se offro olocàusti, tu non li accetti. Uno spirito contrito è sacrificio a Dio; un cuore contrito e affranto tu, o Dio, non disprezzi.

    Canto al Vangelo

    Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria! Ritornate a me con tutto il cuore, dice il Signore, perché sono misericordioso e pietoso.

    Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

    Vangelo

    Lc 11, 29-32

    Dal Vangelo secondo Luca

    In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:

    «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell'uomo lo sarà per questa generazione. Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

    Giovedì 25 Febbraio - oratorio ore 20.30

    PREGHIERA DI LODE

    La lode è la forma di preghiera che più immediatamente riconosce che Dio è Dio. È completamente disinteressata: canta Dio per se stesso e gli rende gloria perché egli è. (Compendio del Catechismo n. 556)

    Quali sono i frutti della lode?

    La lode edifica la persona.

    La preghiera di lode è guarigione .Ha un'azione di sintesi della persona, ha il potere - dice un fratello di una comunità francese - di ristrutturazione dell'uomo interiore ferito, frantumato, diviso dal peccato e reca in se il potere di riunire e fortificare le connessioni vitali tra lo spirito, l'anima e il corpo .
    Noi molte volte guardiamo al nostro ombelico e non guardiamo Gesù davanti a noi e allora cominciamo a lamentarci, a deprimerci, siamo legati, prigionieri. Ma nel momento in cui cantiamo in lingue o Dio ci liberiamo da queste catene.

    La preghiera di lode ci dà forza nelle tentazioni

    il fine della preghiera è pregare. Pregare è dialogare e condividere la vita divina. Se noi entriamo in questo grande processo trinitario vivremo la vita nella potenza dello Spirito.

    Vieni anche tu stasera e impara l’arte del lodare Dio!

    ATTENZIONE INCONTRO ANNULLATO

    28 febbraio 2016

     “IL DISCERNIMENTO SPIRITUALE: L’INTERCESSIONE ”

    con Maria Tortonese -  Comunità di Gesù di Torino

    Via S. Lorenzo, 8 - Bugnins, 33030 Camino al Tagliamento (UD), dietro la Chiesa.

    dalle ore 9.00 alle 17.00

    (Pranzo a sacco: ognuno porta qualcosa da condividere con tutti).

    Il discernimento è un giudizio sulla qualità delle cose, che porta a separare quelle buone da quelle cattive. Senza il discernimento, infatti, non si può vivere nella piena conoscenza della volontà di Dio.

    Senza discernimento una comunità non riesce a  distinguere ciò che è importante da ciò che è secondario…

    Maria Tortonese ci guiderà in una preziosa riflessione per poter interiorizzare la Divina Volontà in noi.

    Alle ore 9.00 l’accoglienza seguita dalla preghiera comunitaria e poi dopo la Santa Messa delle ore 10.00 seguirà un’ora di relazione di Maria Tortonese sul significato di intercessione e sul ruolo dell’intercessore.  Dopo la pausa pranzo, la giornata prosegue con la condivisione e le domande rivolte a Maria Tortonese, domande anche tecniche su come impostare il ministero e il servizio nei gruppi.
    Al termine del ritiro è prevista una forte esperienza d’intercessione.
    La conclusione è prevista per le ore 17.00.
     
    L’intercessione ha un’importanza vitale perché coinvolge una delle chiamate specifiche del Rinnovamento Carismatico Cattolico: essere preghiera. Attraverso questa vocazione è necessario impostare anche uno stile pastorale che orienti le scelte formative della Comunità.
     
    Per raggiungere la casa di preghiera di Bugnins:
    • da Pordenone andare verso Codroipo, girare a destra verso Camino al Tagliamento e poi proseguire verso Bugnins;
    • da Udine andare verso Codroipo, girare a sinistra verso Camino al Tagliamento e poi proseguire verso Bugnins;
    • da Latisana proseguire verso Ronchis, Canussio, Varmo,  Camino al Tagliamento e poi proseguire verso Bugnins
     
    Mappa Link
     
     
    Per info: 3395664503

     

  • Marzo

    2 Mercoledi

    Marzo

    6 Domenica

    Marzo

    10 Giovedi

    Marzo

    11 Venerdi

    Marzo

    17 Giovedi

    Marzo

    19 Sabato

    Marzo

    20 Domenica

    Marzo

    31 Giovedi

    Marzo

    Mercoledì 2 Marzo ore 20.30 Don Daniele Panzeri celebrerà la

    S. Messa con preghiere di guarigione e di liberazione

    Latisana (Via Forte, 1 - Pertegada ud)

    PRIMA LETTURA

    Dn 9,4-10

    Abbiamo peccato e abbiamo operato da malvagi.

     

    Signore Dio, grande e tremendo, che sei fedele all’alleanza e benevolo verso coloro che ti amano e osservano i tuoi comandamenti, abbiamo peccato e abbiamo operato da malvagi e da empi, siamo stati ribelli, ci siamo allontanati dai tuoi comandamenti e dalle tue leggi! Non abbiamo obbedito ai tuoi servi, i profeti, i quali nel tuo nome hanno parlato ai nostri re, ai nostri prìncipi, ai nostri padri e a tutto il popolo del paese.
    A te conviene la giustizia, o Signore, a noi la vergogna sul volto, come avviene ancora oggi per gli uomini di Giuda, per gli abitanti di Gerusalemme e per tutto Israele, vicini e lontani, in tutti i paesi dove tu li hai dispersi per i delitti che hanno commesso contro di te.
    Signore, la vergogna sul volto a noi, ai nostri re, ai nostri prìncipi, ai nostri padri, perché abbiamo peccato contro di te; al Signore, nostro Dio, la misericordia e il perdono, perché ci siamo ribellati contro di lui, non abbiamo ascoltato la voce del Signore, nostro Dio, né seguito quelle leggi che egli ci aveva dato per mezzo dei suoi servi, i profeti.

    Parola di Dio

    SALMO RESPONSORIALE

    Sal 78

    Signore, non trattarci secondo i nostri peccati.

    Non imputare a noi le colpe dei nostri antenati:
    presto ci venga incontro la tua misericordia,
    perché siamo così poveri!

    Aiutaci, o Dio, nostra salvezza,
    per la gloria del tuo nome;
    liberaci e perdona i nostri peccati
    a motivo del tuo nome.

    Giunga fino a te il gemito dei prigionieri;
    con la grandezza del tuo braccio
    salva i condannati a morte.

    E noi, tuo popolo e gregge del tuo pascolo,
    ti renderemo grazie per sempre;
    di generazione in generazione narreremo la tua lode.

    CANTO AL VANGELO (Gv 6,63.68)

    Lode e onore a te, Signore Gesù.
    Le tue parole, Signore, sono spirito e vita;
    tu hai parole di vita eterna.
    Lode e onore a te, Signore Gesù.

     

    VANGELO

    Lc 6, 36-38

    Perdonate e sarete perdonati.

    + Dal Vangelo secondo Luca


    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
    Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati.
    Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

    Parola del Signore

    Domenica 6 Marzo 2016

     

    I Gruppi diocesani del GRIS del TRIVENETO sez. di TRIESTE, TRENTO, TREVISO, VITTORIO VENETO, VENEZIA, VERONA, UDINE

     

     

     

     

    ORGANIZZANO

    5° CONVEGNO INTERREGIONALE

    Presso Istituto Salesiano Bearzi

    Via Don Giovanni Bosco, 2

    33100 UDINE

    MOVIMENTI RELIGIOSI ALTERNATIVI E MOVIMENTI MAGICI:

    UNA SFIDA PASTORALE

     

     

     

     

    PROGRAMMA:

    Ore 09,30 CONSEGNA cartelline + Iscrizione + programma

    Ore 09,50 “Sfida pastorale – dal documento del Vaticano del 1986” Tiziana Fumei (GRIS Udine)

    Ore 10,00 “Perché le sette? Quali sono?” Prof. Giuseppe Bisetto (GRIS Treviso)

    Ore 10,20 “Esoterismo… magia… occultismo… e poi?” Elena Cuzzit (Presidente GRIS Treviso)

    Ore 10,40 “Testimonianze”

    Ore 11,00 “Le dipendenze psicologiche indotte” Dott. Ermanno Moscatelli (psicologo e psicoterapeuta- responsabile del Progetto Slegami)

    Ore 11,20 GRUPPI di lavoro sugli argomenti trattati

    Ore 12,15 S. Messa animata dalla “Comunità Fonte di Acquaviva” di Latisana

    Ore 13,00 Pranzo

    Ore 14,30 “La sfida delle forme religiose alternative nel tessuto della pastorale delle nostre parrocchie” Don Michele Favret (Responsabile GRIS della Diocesi di Vittorio Veneto)

    Ore 15,00: DIBATTITO

    Ore 16,00: Conclusione dei lavori e documento finale Mons. Giuseppe Vardanega (Ass. Spirituale GRIS di TV)

     

     

    Giovedì 10 Marzo ore 20.30 Serata di lode - Latisana

     

     

     

    La lode è liberatoria, ci libera dai legami e dai condizionamenti terreni e psicologici; ci libera dal nostro io per proiettarci totalmente e radicalmente in Dio in modo disinteressato e gratuito.

     

    Giovedì presso l’oratorio di Latisana ci sarà così una serata speciale di Lode e Adorazione. Ogni volta è una bellissima occasione per scoprire qualcosa di nuovo del nostro grande Dio.

    Come sempre siete tutti benvenuti!

     

    Venerdi 11 Marzo  ore 20.30-22.00

    don Eugenio presiederà l’Adorazione Eucaristica

    Chiesa di Latisanotta

     

     

     

     

    Vorrei che ci ponessimo tutti una domanda: Tu, io, adoriamo il Signore? Andiamo da Dio solo per chiedere, per ringraziare, o andiamo da Lui anche per adorarlo? Che cosa vuol dire allora adorare Dio? Significa imparare a stare con Lui, a fermarci a dialogare con Lui, sentendo che la sua presenza è la più vera, la più buona, la più importante di tutte. Ognuno di noi, nella propria vita, in modo consapevole e forse a volte senza rendersene conto, ha un ben preciso ordine delle cose ritenute più o meno importanti. Adorare il Signore vuol dire dare a Lui il posto che deve avere; adorare il Signore vuol dire affermare, credere, non però semplicemente a parole, che Lui solo guida veramente la nostra vita; adorare il Signore vuol dire che siamo convinti davanti a Lui che è il solo Dio, il Dio della nostra vita, il Dio della nostra storia.

    (Papa Francesco)

     

     

    Giovedi 17 Marzo 2016 ore 20.00

     “IL DISCERNIMENTO SPIRITUALE: L’INTERCESSIONE ”

    con Maria Tortonese -  Comunità di Gesù di Torino

    Oratorio di Latisana

     

    Il discernimento è un giudizio sulla qualità delle cose, che porta a separare quelle buone da quelle cattive. Senza il discernimento, infatti, non si può vivere nella piena conoscenza della volontà di Dio.

    Senza discernimento una comunità non riesce a  distinguere ciò che è importante da ciò che è secondario…

    Maria Tortonese ci guiderà in una preziosa riflessione per poter interiorizzare la Divina Volontà in noi.

    L’intercessione ha un’importanza vitale perché coinvolge una delle chiamate specifiche del Rinnovamento Carismatico Cattolico: essere preghiera. Attraverso questa vocazione è necessario impostare anche uno stile pastorale che orienti le scelte formative della Comunità.

    Sabato 19 Marzo 2016

    Pellegrinaggio Giubilare al Santuario di San  LEOPOLDO MANDIC di Padova

    PROGRAMMA

     

    -Partenza alle ore 7.30 dal piazzale della COOP di Latisana.

    -Arrivo al Santuario di Padova alle ore 9.00.

    -Visita guidata al Santuario.

    -Confessioni fino alle ore 12.00.

    -Ore 12.30 pranzo al ristorante su prenotazione, menù completo € 18 (bambini €10)

    -Ore 15.00 Preghiera al Santuario.

    -Ore 16.00 S. Messa.

    -Ritorno a Latisana alle 17.30 dal Santuario.

     

     

     

    Costo

    Adulti                               € 22

    Bambini (6/12 anni)         € 11

     

    PER PRENOTAZIONI CONTATTARE RODRIGO CELL. 339.5664503/www.fontediacquaviva.org

     

    A richiesta il pullman effettua fermate a Portogruaro, San Donà.

     

     

    A Latisana, cinema Odeon

    Domenica 20 Marzo ore 15.30, la “prima” del film Cristiada

    con un cast da Oscar, che racconta la persecuzione dei cristiani in Messico

    nella prima metà del secolo scorso

    «Dove sta la libertà di un popolo? Cosa significa lottare per la libertà? Chi sono gli uomini e le donne liberi? E, soprattutto, cosa significa educare alla libertà?».

    Sono le domande che trovano delle risposte nel filmstorico Cristiada; una pellicola che onora la memoria di diverse decine di migliaia di cristiani perseguitati nel Messico della seconda metà degli anni Venti del secolo scorso. È un tema oggi di grande attualità se si pensa alle atroci persecuzioni di numerosi cristiani in questo inizio di ventunesimo secolo, soprattutto in Africa e in Medio Oriente. Il film raccolta una pagina drammatica, ma avvincente nella storia dell’America Latina, in cui valorosi uomini riuscirono a cambiare le sorti di un intero Paese, chiamati i “cristeros”, in maggioranza contadini legati a dei valori semplici ma profondi; a loro si unirono borghesi, studenti e professionisti. Moltissime le donne che fornirono supporto logistico. I“cristeros”, difendendo la libertà di culto, difesero la libertà di espressione e, dunque, la vocazione laica dello Stato. In tre anni di sanguinose battaglie (1926-29) persero la vita più di 85 mila civili messicani, ma le cifre reali di questo evento storico, per lo più ignorato dalla storiografia internazionale, non sono conosciute con esattezza, ma si stimano in oltre 150 mila morti, fra vittime di guerra, soldati e civili periti a causa di malattie.

    TRAMA DEL FILM

    CRISTIADA narra una pagina storica cruda, ma emozionante nella storia dell'America Latina (1926-1929): l'unione del popolo cattolico Messicano contro il governo massonico del sanguinario presidente Plutarco Elìas Calles.

    Enrique Gorostieta Velarde (Andy Garcia), il più importante stratega militare del Messico anni '20, è uomo ateo e scevro da ogni ideologia. Mosso da un profondo ideale di giustizia e amareggiato dalla situazione di repressione in atto nel Paese, decide di mettere il suo genio militare a servizio del popolo cristiano perseguitato. Con perseveranza e dedizione, il generale Gorostieta riuscirà a trasformare un gruppo eterogeneo di contadini, studenti ed intellettuali, in una forza militare organizzata capace di bloccare le truppe federali. Sarà tuttavia la profonda umanità di coloro che incontrerà sul suo cammino - giovani idealisti, rinnegati e, soprattutto, un coraggioso ragazzo di quattordici anni José Sanchez Del Rio (già beatificato da Papa

    Benedetto XVI) - a fargli comprendere come i valori e gli ideali siano la sorgente del coraggio, anche quando la speranza nella giustizia sembra essere irrimediabilmente perduta.

    Figure femminili di grande bellezza sono Tulita (Eva Longoria), moglie del generale Gorostieta, combattuta fra l'amore per il marito e l'amore per il proprio Paese, e Adriana (Catalina Sandino Moreno) che rappresenta la forza e l'eroicità di tutte le donne impegnate nella battaglia a difesa dei diritti di libertà del popolo Messicano.

     

    Vedi TRAILER

     

    Vedi dettagli FILM

    Giovedì 31 Marzo  ore 20.00

    incontro per coppie e famiglie

    guidata da PIERRE E LAURENCE GILISSEN provenienti dal Belgio e da PAOLO(diacono) E ORNELLA LANO della Casa di Cana

    Oratorio Latisana

     

     

     

    Il ritiro, che sarà animato da Pierre e Laurence Gilissen e da Paolo e Ornella Lano, si sviluppa attraverso insegnamenti, testimonianze, preghiera sulla Parola di Dio e incontri personali.

    Vi aspettiamo numerosi

     

     

  • Aprile

    Dal 2 Sabato

    a 3 Domenica

    Aprile

    6 Mercoledì

    Aprile

    8 Venerdì

    Aprile

    14 Giovedì

    Aprile

    21 Giovedì

    Aprile

    21 Giovedì

    Aprile

    28 Giovedì

    Aprile

    30 Sabato

    Aprile

    PELLEGRINAGGIO GIUBILARE A LUCCA

     Sabato 2 - Domenica 3 Aprile 2016

     

     

    Conosceremo la vita e i luoghi dove vissero la Beata Elena Guerra (chiamata apostola dello Spirito Santo) e la sua allieva: la Santa Gemma Galgani (che ebbe esperienze mistiche)

    PROGRAMMA

    Sabato 2 aprile

    -Partenza sabato alle ore 6.00 dal piazzale della COOP di Latisana.

    -Arrivo a Lucca alle ore 11.00.

    -Pranzo ore 12.30 dalle suore di Santa Gemma Galgani

    -Visita guidata nei luoghi sacri della Città.

    -Cena ore 19.30 e pernottamento nella Casa delle Oblate dello S.S.

    Domenica 3 aprile

    -S. Messa Festiva

    -Ore 16.00 S. Messa.

    -Visita ai luoghi di Santa Gemma Galgani e della Beata Elena Guerra

    -Ritorno a Latisana da Lucca alle ore 17.00.

     

     

    Costo

    Adulti € 175 (minimo 15 adesioni) Bambini (6/12 anni) €  155,0

    Acconto alla prenotazione € 60 non rimborsabile

    Adulti € 155 (minimo 25 adesioni) Bambini (6/12) € 130,0

     

    PER PRENOTAZIONI CONTATTARE RODRIGO CELL. 339.5664503/www.fontediacquaviva.org

     

    A richiesta il pullman effettua fermate a Portogruaro, San Donà.

     

     

    Mercoledì 6 Aprile Celebrazione Eucaristica

    presieduta da don Daniele

    CON PREGHIERA DI GUARIGIONE E LIBERAZIONE- Pertegada ORE 20.30

    Antifona d'Ingresso

    Ti loderò, Signore, fra tutti i popoli,
    ai miei fratelli annunzierò il tuo nome. Alleluia. (Sal 18,50; 22,23)

    Colletta

    Guarda, o Padre, il popolo a te consacrato, e fà che mortificando il corpo con l'astinenza si rinnovi nello spirito con il frutto delle buone opere. Per il nostro Signore...

    Prima Lettura

    Ecco, gli uomini che avete messo in carcere si trovano nel tempio a insegnare al popolo.

    Dagli Atti degli Apostoli

    At 5,17-26

    In quei giorni, si levò il sommo sacerdote con tutti quelli della sua parte, cioè la setta dei sadducèi, pieni di gelosia, e, presi gli apostoli, li gettarono nella prigione pubblica.
    Ma, durante la notte, un angelo del Signore aprì le porte del carcere, li condusse fuori e disse: «Andate e proclamate al popolo, nel tempio, tutte queste parole di vita». Udito questo, entrarono nel tempio sul far del giorno e si misero a insegnare.
    Quando arrivò il sommo sacerdote con quelli della sua parte, convocarono il sinedrio, cioè tutto il senato dei figli d’Israele; mandarono quindi a prelevare gli apostoli nella prigione. Ma gli inservienti, giunti sul posto, non li trovarono nel carcere e tornarono a riferire: «Abbiamo trovato la prigione scrupolosamente sbarrata e le guardie che stavano davanti alle porte, ma, quando abbiamo aperto, non vi abbiamo trovato nessuno».
    Udite queste parole, il comandante delle guardie del tempio e i capi dei sacerdoti si domandavano perplessi a loro riguardo che cosa fosse successo. In quel momento arrivò un tale a riferire loro: «Ecco, gli uomini che avete messo in carcere si trovano nel tempio a insegnare al popolo».
    Allora il comandante uscì con gli inservienti e li condusse via, ma senza violenza, per timore di essere lapidati dal popolo.

    Parola di Dio

     

     

     

    Salmo Responsoriale

    Sal 33

    Il povero grida e il Signore lo ascolta.

      Benedirò il Signore in ogni tempo,
    sulla mia bocca sempre la sua lode.
    Io mi glorio nel Signore:
    i poveri ascoltino e si rallegrino.


    Magnificate con me il Signore,
    esaltiamo insieme il suo nome.
    Ho cercato il Signore: mi ha risposto
    e da ogni mia paura mi ha liberato.


    Guardate a lui e sarete raggianti,
    i vostri volti non dovranno arrossire.
    Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
    lo salva da tutte le sue angosce.
     
    L’angelo del Signore si accampa
    attorno a quelli che lo temono, e li libera.
    Gustate e vedete com’è buono il Signore;
    beato l’uomo che in lui si rifugia.

    Canto al Vangelo (Gv 3,16)

    Alleluia, alleluia.
    Dio ha tanto amato il mondo
    da dare il Figlio unigenito,
    perché chiunque crede in lui non vada perduto,
    ma abbia la vita eterna.
    Alleluia.

     

     

    Vangelo

    Dio ha mandato il Figlio nel mondo, perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.

    Dal Vangelo secondo Giovanni
    Gv 3,16-21


    In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.
    E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

    Parola del Signore

    SERATA D’INTERCESSIONE

    DAVANTI AL SANTISSIMO SACRAMENTO

    Venerdì 8 aprile - Chiesa di Latisanotta ore 20.30-22.00

     

    Vorrei che ci ponessimo tutti una domanda: Tu, io, adoriamo il Signore? Andiamo da Dio solo per chiedere, per ringraziare, o andiamo da Lui anche per adorarlo? Che cosa vuol dire allora adorare Dio? Significa imparare a stare con Lui, a fermarci a dialogare con Lui, sentendo che la sua presenza è la più vera, la più buona, la più importante di tutte. Ognuno di noi, nella propria vita, in modo consapevole e forse a volte senza rendersene conto, ha un ben preciso ordine delle cose ritenute più o meno importanti.

    Adorare il Signore vuol dire dare a Lui il posto che deve avere; adorare il Signore vuol dire affermare, credere, non però semplicemente a parole, che Lui solo guida veramente la nostra vita; adorare il Signore vuol dire che siamo convinti davanti a Lui che è il solo Dio, il Dio della nostra vita, il Dio della nostra storia.

    Questo ha una conseguenza nella nostra vita: spogliarci dei tanti idoli piccoli o grandi che abbiamo e nei quali ci rifugiamo, nei quali cerchiamo e molte volte riponiamo la nostra sicurezza. Sono idoli che spesso teniamo ben nascosti; possono essere l’ambizione, il carrierismo, il gusto del successo, il mettere al centro se stessi, la tendenza a prevalere sugli altri, la pretesa di essere gli unici padroni della nostra vita, qualche peccato a cui siamo legati, e molti altri.

    Questa sera vorrei che una domanda risuonasse nel cuore di ciascuno di noi e che vi rispondessimo con sincerità: ho pensato io a quale idolo nascosto ho nella mia vita, che mi impedisce di adorare il Signore? Adorare è spogliarci dei nostri idoli anche quelli più nascosti, e scegliere il Signore come centro, come via maestra della nostra vita.

    Cari fratelli e sorelle, il Signore ci chiama ogni giorno a seguirlo con coraggio e fedeltà; ci ha fatto il grande dono di sceglierci come suoi discepoli; ci invita ad annunciarlo con gioia come il Risorto, ma ci chiede di farlo con la parola e con la testimonianza della nostra vita, nella quotidianità. Il Signore è l’unico, l’unico Dio della nostra vita e ci invita a spogliarci dei tanti idoli e ad adorare Lui solo. Annunciare, testimoniare, adorare. La Beata Vergine Maria e l’Apostolo Paolo ci aiutino in questo cammino e intercedano per noi. Così sia.

     

     

    Giovedì 14 Aprile alle ore 20.30 - oratorio a Latisana

    Grande serata di Catechesi con don Geretti

    Nato a Udine il 16.09.1973. Della parrocchia di Gesù Buon Pastore. Ordinato sacerdote il 06.06.1998.

    Ha operato, specialmente nella catechesi, nelle parrocchie di Gesù Buon Pastore e di Artegna durante il tempo della formazione.

    Dal 1998 è Vicario parrocchiale di Tolmezzo, al servizio delle parrocchie di Tolmezzo, Illegio e Fusea.

    Dall’8 settembre 2010 è Direttore dell’Ufficio e anche Delegato Episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi di Udine.

     

     

    Ospite giovedì sera presso la struttura dell’oratorio di Latisana offrirà un contributo importante sul tema delle opere di misericordia.

     

    Il Papa ricorda che "ogni volta che un fedele vivrà" una delle opere di misericordia spirituale o corporale "in prima persona otterà certamente l'indulgenza giubilare". Ecco l'elenco delle opere di misericordia.

     

    LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALE

    1 - Consigliare i dubbiosi

    2 - Insegnare agli ignoranti

    3 - Ammonire i peccatori

    4 - Consolare gli afflitti

    5 - Perdonare le offese

    6 - Sopportare pazientemente le persone moleste

    7 - Pregare Dio per i vivi e per i morti

     

    LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE

    1 - Dar da mangiare agli affamati

    2 - Dar da bere agli assetati

    3 - Vestire gli ignudi

    4 - Alloggiare i pellegrini

    5 - Visitare gli infermi

    6 - Visitare i carcerati

    7 - Seppellire i morti

     

    L’invito è rivolto a tutti specie ai catechisti e a quanti desiderano essere formati sulla vita cristiana.

    Vi attendiamo numerosi

    Giovedì 21 Aprile

    dalle ore 16.30 alle ore 18.30 in oratorio a Latisana.

    DON GIANNI CASTORANI, sacerdote di Firenze molto formato in tematiche giovanili,  incontra i ragazzi, dai 11 ai 40 anni

     

    CONDIVISIONE  AMICIZIA  GIOIA  RISPETTO FEDELTA’  MUSICA

     

     

    Giovedì 21 alle ore 20.30

    Celebrazione Eucaristica presieduta da don Gianni Castorani

    con preghiera e testimonianza.

    APERTO A TUTTI

     

     

     

    Chi  volesse ascoltare la testimonianza di don Gianni può cliccare nel link

     

     

    Il Signore opera e aspetta il nostro sì!

     

    Giovedì 28 Aprile ore 20.30 oratorio Latisana

    Preghiera di LODE

    Una lode è liberatoria, ci libera dai legami e dai condizionamenti terreni e psicologici; ci libera dal nostro io per proiettarci totalmente e radicalmente in Dio in modo disinteressato e gratuito "Ti lodo Signore perché sei il mio Dio!".

    Le nostre comunità carismatiche si qualificano come comunità di lode. Ma come deve essere questa lode'? Deve essere comunitaria, cristocentrica, ispirata dallo Spirito Santo.

    Siamo stati creati per essere “a lode della sua gloria” Ef 1,14 e quindi vogliamo essere “sempre lieti, pregare incessantemente e in ogni cosa rendere grazie”  1Ts 5,14

    Ti aspettiamo…

     

     

    SABATO 30 APRILE 2016 ORE 14.30

    CHIESA SANTO SPIRITO DI PERTEGADA

     

    SANTA MESSA con preghiera di guarigione e liberazione con padre ISIDRO ALVAREZ

     

     

     

     

    (P. Isidro Alvarez – Responsabile del Rinnovamento Carismatico Cattolico Spagnolo)

     

     

    L’incontro è aperto a tutti…

    Vieni a sperimentare l’amore di Dio nella tua vita…

     

     

     

  • Maggio

    4 Mercoledì

    Maggio

    6 Venerdì

    Maggio

    7 Sabato

    Maggio

    12 Giovedì

    Maggio

    13 Venerdì

    Maggio

    14 Sabato

    Maggio

    19 Giovedì

    Maggio

    26 Giovedì

    Maggio

    28 Sabato

    Maggio

    Mercoledì 4 Maggio ore 20.30 Don Daniele Panzeri celebrerà la S. Messa

    con preghiere di guarigione e di liberazione

    Latisana (Via Forte, 1 - Pertegada ud)

    Prima Lettura   At 17, 15-22-18,1

    Colui che, senza conoscerlo, voi adorate, io ve lo annuncio.

    Dagli Atti degli Apostoli.

    In quei giorni, quelli che accompagnavano Paolo lo condussero fino ad Atene e ripartirono con l’ordine, per Sila e Timòteo, di raggiungerlo al più presto.
    Paolo, in piedi in mezzo all’Areòpago, disse: «Ateniesi, vedo che, in tutto, siete molto religiosi. Passando infatti e osservando i vostri monumenti sacri, ho trovato anche un altare con l’iscrizione: “A un Dio ignoto”.
    Ebbene, colui che, senza conoscerlo, voi adorate, io ve lo annuncio. Il Dio che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene, che è Signore del cielo e della terra, non abita in templi costruiti da mani d’uomo né dalle mani dell’uomo si lascia servire come se avesse bisogno di qualche cosa: è lui che dà a tutti la vita e il respiro e ogni cosa. Egli creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini, perché abitassero su tutta la faccia della terra. Per essi ha stabilito l’ordine dei tempi e i confini del loro spazio perché cerchino Dio, se mai, tastando qua e là come ciechi, arrivino a trovarlo, benché non sia lontano da ciascuno di noi. In lui infatti viviamo, ci muoviamo ed esistiamo, come hanno detto anche alcuni dei vostri poeti: “Perché di lui anche noi siamo stirpe”.
    Poiché dunque siamo stirpe di Dio, non dobbiamo pensare che la divinità sia simile all’oro, all’argento e alla pietra, che porti l’impronta dell’arte e dell’ingegno umano. Ora Dio, passando sopra ai tempi dell’ignoranza, ordina agli uomini che tutti e dappertutto si convertano, perché egli ha stabilito un giorno nel quale dovrà giudicare il mondo con giustizia, per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti».
    Quando sentirono parlare di risurrezione dei morti, alcuni lo deridevano, altri dicevano: «Su questo ti sentiremo un’altra volta». Così Paolo si allontanò da loro. Ma alcuni si unirono a lui e divennero credenti: fra questi anche Dionigi, membro dell’Areòpago, una donna di nome Dàmaris e altri con loro.
    Dopo questi fatti Paolo lasciò Atene e si recò a Corìnto.

     

    Salmo Responsoriale   Dal Salmo 148

    I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.

    Lodate il Signore dai cieli,
    lodatelo nell’alto dei cieli.
    Lodatelo, voi tutti, suoi angeli,
    lodatelo, voi tutte, sue schiere.

    I re della terra e i popoli tutti,
    i governanti e i giudici della terra,
    i giovani e le ragazze,
    i vecchi insieme ai bambini
    lodino il nome del Signore.

    Perché solo il suo nome è sublime:
    la sua maestà sovrasta la terra e i cieli.
    Ha accresciuto la potenza del suo popolo.
    Egli è la lode per tutti i suoi fedeli,
    per i figli d’Israele, popolo a lui vicino.

    Canto al Vangelo  Gv 14,16
    Alleluia, alleluia.

    Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito
    perché rimanga con voi per sempre.

    Alleluia.

     Vangelo   Gv 16, 12-15

    Lo Spirito della verità vi guiderà a tutta la verità.

     

    Dal vangelo secondo Giovanni

    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
    «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
    Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
    Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

     

     

    Novena per camminare insieme allo Spirito Santo

    Da recitarsi per nove giorni consecutivi a partire dal venerdì prima della Festa della ascensione, cioè da oggi 6 maggio!!!

     

     

    Novena allo Spirito Santo........Link

    Sabato 7 maggio ore 15.30 presso il Duomo di San Giorgio di Porcia, la nostra Comunità animerà insieme al cantautore  Maurizio Bagnariol,

    il Matrimonio di Antonella e Fiore.

    Fin da ora esprimiamo la nostra gioia e la nostra benedizione per loro.

     

     

    Consacrazione degli sposi

     

    Eccoci finalmente ai tuoi piedi, o Vergine Immacolata, per offrirti i primi fiori della nostra festa nuziale. Ora che per divina bontà il sogno dei nostri cuori si è avverato, nell'augusta realtà di un Sacramento, a chi mai consacreremo i primi palpiti della nostra vita di sposi, se non a Te, che guidasti sin qui i nostri passi con tenerezza materna? O Maria, la più intemerata delle spose e la più amabile delle Madri; o Maria, benedetta fra tutte le donne, stendi il manto della Tua protezione su questa nuova famiglia che oggi comincia con noi e degnati di essere sin da questo momento e per sempre, la Regina della nostra casa. E come un giorno a favore di due giovani sposi impetrasti da Gesù il Suo primo miracolo, schiudi anche oggi sopra di noi il Cuore Sacratissimo del Tuo benedetto Figliuolo, fonte delle divine misericordie. Benedici, o Maria, il nostro scambievole amore; rendilo generoso e fedele, casto e santiticante, rigoglioso e fecondo, sicché ci sia dato cooperare all`atto creativo di Dio, ed allietarci di una fiorente corona di figli, ricchezza della casa, - onore della società, - gaudio della Chiesa, - retaggio eletto del Cielo. Illumina, o Vergine Santa, tutti i nostri passi, guida il nostro cammino, accompagnaci attraverso le alterne vicende della presente vita, sino a quella riva beata ove Dio attende ogni uomo che in Lui confida.

     

     

    Giovedì 12 Maggio Preghiera di lode carismatica

    ore 20.30 oratorio – Latisana (ud)

     

     

     

     

    La preghiera di lode sconfigge l’Accusatore (colui che incolpa gli uomini davanti a Dio e Dio davanti agli uomini), perché mette Dio al primo posto e non i suoi benefici, perché ci aiuta a fidarci del suo amore e della sua provvidenza al di là delle apparenze, perché fa diventare ogni cosa motivo di preghiera.

     

    Vieni anche tu a fare l’esperienza della lode….

     

     

    Venerdì 13 Maggio l’incontro di intercessione per i sofferenti è stato annullato in occasione della veglia di Pentecoste che si terrà a Udine sabato 14 Maggio, a cui tutti siete invitati.

    Sabato 14 Maggio 2016

     

     

    L’Arcivescovo Andrea Bruno Mazzocato ci attenderà inoltre alla veglia di sabato 14 maggio p.v. alle ore 20.30 in Cattedrale a Udine per vivere con tutte le associazioni laicali della diocesi un momento di riflessione e preghiera in preparazione della Pentecoste.

    Invitiamo tutti a partecipare a questo momento di condivisione e formazione del nostro essere cristiani!

     

     

    Giovedì 19 Maggio 2016 alle ore 20.00

    nell’oratorio parrocchiale-sala teatro di Latisana,

    grande incontro con Suor Nicole Ciss.

    Lode, catechesi e preghiera di guarigione e liberazione.

     

    È nata in Senegal. Esercita il suo ministero in Senegal.
    E' responsabile del Rinnovamento Carismatico Cattolico in Senegal. Il Signore le ha dato un carisma potente per la proclamazione della Parola di Dio, con la parola di conoscenza e la liberazione delle persone che sono sotto il potere dello spirito del male.
    Viaggia molto in Senegal e in Africa mettendosi al servizio di chi soffre.
    Sta completando gli studi di teologia a Dakar.
    Vive in una comunità con altri fratelli e sorelle africani che condividono il suo ideale.
    Per 23 anni ha collaborato con don Beppino in Senegal, nel ministero dell'ascolto, della liberazione e della guarigione.
    Ogni lunedì dirige la celebrazione di lode con numerosi fratelli e sorelle in una grande chiesa alla periferia di Dakar. Vive in maniera molto semplice. Consacra molte ore di preghiera e adorazione ogni giorno davanti all’Eucarestia dove attinge la forza per il suo ministero.

    La nostra Comunità Fonte di Acquaviva avrà la gioia di ospitare Suor Ciss giovedì 19 presso l’oratorio di Latisana – sala teatro dalle ore 20.00 per vivere un tempo di catechesi con preghiera di guarigione e liberazione.

     

    Fiduciosi che il Signore non mancherà di ricompensare quanti a Lui si affidano, Vi aspettiamo numerosi a questo imperdibile appuntamento per toccare con mano quanto è grande il Suo Amore per chiunque lo cerca.

    “Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza”.

     

     

    INCONTRO ANNULLATO PER CORPUS DOMINI

    Giovedì 26 Maggio 2016 - oratorio Latisana ore 20.30

    Serata di lode al nostro Dio!!!

     

     

    La lode è la forma di preghiera che più immediatamente riconosce che Dio è Dio! Lo canta per se stesso, gli rende gloria perché EGLI È, a prescindere da ciò che fa. È una partecipazione alla beatitudine dei cuori puri, che amano Dio nella fede prima di vederlo nella gloria. Per suo mezzo, lo Spirito si unisce al nostro spirito per testimoniare che siamo figli di Dio, 124 rende testimonianza al Figlio unigenito nel quale siamo adottati e per mezzo del quale glorifichiamo il Padre. La lode integra le altre forme di preghiera e le porta verso colui che ne è la sorgente e il termine: « un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui » (1 Cor 8,6).

    (Catechismo della Chiesa cattolica)

     

     

    SABATO 28 – ORATORIO SALA TEATRO DI LATISANA ORE 15.00

     

    Pomeriggio di formazione per un sano combattimento spirituale

    in collaborazione con il GRIS

     

    Ospiti

    Dottor.ssa Marcella Pioli, medico ed esperta del Gris, o Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-Religiosa

    Dottor Stefano Luca, psicologo clinico, psicoterapeuta ed Analista Transazionale. Formazione specialistica in psicologia investigativa, giudiziaria e penitenziaria.

     

    Abstract: La vulnerabilità psichica e il plagio

     – la presentazione intende offrire una panoramica sulle diverse forme di persuasione alle quali siamo soggetti quotidianamente. L’accento sarà posto su quelle tipologie di condizionamento e persuasione che violano a libertà di autodeterminazione dell’individuo, ovvero le manipolazioni distruttive. Verranno presentate le tecniche di manipolazione adoperate all’interno di certi gruppi pseudoreligiosi e le gravi conseguenze mediche, psicologiche e sociali che queste comportano nella vita delle vittime insieme alle nuove vie di manipolazione che si stanno espandendo oggi come ad esempio il ricorso all’utilizzo di messaggi subliminali inseriti nei brani musicali o altre immagini pubblicitarie. Verranno inoltre presentate due sezioni a contenuto multimediale: una raccolta di files contenenti i messaggi subliminali nella musica rock, spesso accusata di condizionare i pensieri, le scelte ed i comportamenti dei giovani (corredata da una guida dove si possono leggere e seguire i pezzi di brani incriminati, con relative traduzioni e commenti) ed una ricerca composta da due parti: la prima presenta una lista di copertine dei dischi di alcuni gruppi rock che lanciano esplicitamente messaggi anticristiani ed inneggiano al demonio; la seconda invece mostra immagini che nascondono messaggi subliminali a sfondo sessuale, che si possono ritrovare nelle pubblicità, nei film, nei cartoni animati, nei videogiochi.

     

    Il GRIS è un’associazione privata di cattolici, culturale e religiosa, no profit, che si interessa di  tematiche concernenti  sètte, occulto e spiritismo. Costituitasi ufficialmente nel 1987, lo  Statuto è stato approvato  nel 1990 dalla CEI.

     

    Questo incontro desidera essere un’ opportunità che come comunità vogliamo offrire a tutti per poter procedere in modo ordinato nella propria vita spirituale, affettiva e relazionale.  Aperto a tutti.

  • Giugno

    1 Mercoledì

    Giugno

    9  Giovedì

    Giugno

    15 Mercoledì

    Giugno

    16 Giovedì

    Giugno

    17 Venerdì

    Giugno

    23  Giovedì

    Giugno

    30 Giovedì

    Giugno

    Giovedì 9 Giugno  Preghiera di lode:

    Una incessante preghiera di lode e ringraziamento al Padre Celeste

    ore 20.30 in Oratorio - Latisana

    Braccia elevate e protese, lodi spontanee e sincere a Gesù, invocazioni ardenti allo Spirito Santo, canti, un suggestivo balbettio che sale di tono per poi dolcemente spegnersi come per incanto, sono la manifestazione della preghiera di lode e di ringraziamento innalzata al Padre celeste, per celebrare il suo amore infinito rivelato nel Suo figlio Gesù.

    Questa preghiera, riscoperta ardentemente dal Rinnovamento Carismatico, ripropone il modello delle preghiere praticate dai primi cristiani (cfr. 1Cor 14,26; Col 3,16-17; Ef 5,18-21; ecc.). Durante la lode, l'uomo diviene simile agli Angeli che in cielo cantano incessantemente onori a Dio.
    La lode attira, su colui che la fa, il grande amore di Dio che si manifesterà con opere concrete e meravigliose.

     

     

    Mercoledì 15 INCONTRO GIOVANI

    in oratorio a Latisana dalle ore 14.00 alle ore 16.00

     

     

    Un piccolo nucleo giovani della nostra comunità si incontrerà per la preghiera, con canti,lode e condivisione per continuare il cammino di evangelizzazione e conoscenza della parola di Dio. Se sei giovane e hai piacere di partecipare o conosci qualcuno interessato, vieni liberamente e dai conferma qui così ti aspettiamo. Tutto per la gloria di Dio!! Un abbraccio a tutti,uniti in preghiera! Vi aspettiamo, a mercoledì!

     

     

     

     

    Giovedì 16 Giugno

    Incontro di Lode viene Sospeso

    VENERDI’ 17 ore 20.00

    ORA DI ADORAZIONE A GESU’ CON MARIA

    presieduta da Don Eugenio

    presso la chiesa di LATISANOTTA

     

     

    Maria ci può guidare verso il Santissimo Sacramento, perché ha con esso una relazione profonda.

    Maria è donna «eucaristica» con l'intera sua vita. La Chiesa, guardando a Maria come a suo modello, è chiamata ad imitarla anche nel suo rapporto con questo Mistero santissimo.

    (da Ecclesia De Eucharistia)

     

    Messaggio del 15 marzo 1984

    Anche questa sera, cari figli, vi sono particolarmente riconoscente per essere venuti qui. Adorate senza interruzione il Santissimo Sacramento dell'altare. Io sono sempre presente quando i fedeli sono in adorazione. In quel momento si ottengono grazie particolari.

     

    Insieme al nostro amico BRUNO TEMIL DEL GRUPPO DELLA PEREGRINATIO MARIAE DELLA CARNIA mediteremo i 5 sassi, offerti dalla Vergine Maria per combattere il nemico:

     

    1. La Preghiera con il cuore: il Rosario

    2. L’Eucarestia

    3. La Bibbia

    4. Il Digiuno

    5. La Confessione Mensile

     

     

    Giovedì 23 PREGHIERA DI LODE

    ore 20.45 Oratorio Latisana

    La Lode è la Preghiera dominante, nei gruppi carismatici.
    Non tanto come uno sforzo umano di rinnovamento, ma, molto di più, come una manifestazione spontanea dello Spirito, come uno zampillo che sgorga dal cuore, come da una fonte. E, realmente, lo Spirito Santo è anche uno Spirito di glorificazione: dove Lui si fa presente, si manifesta anche la sua gloria, che inebria, che avvolge, che crea clima ed atmosfera. Basta ricordare i numerosi testi della Bibbia in proposito e costateremo che, dove si ebbero manifestazioni dello Spirito, la lode e la glorificazione erano le sue manifestazioni naturali.

     

    APERTO A TUTTI

     

     

    Giovedì 30 Giugno

    Incontro di Lode viene Sospeso

  • Luglio - Agosto

    6 Mercoledì

    Luglio

    14 Giovedì

    Luglio

    21 Giovedì

    Luglio

    28 Giovedì

    Luglio

    Mercoledi 6 Luglio CELEBRAZIONE EUCARISTICA

    CON DON DANIELE

    CON PREGHIERA DI GUARIGIONE E LIBERAZIONE ORE 20.30 CHIESA DI PERTEGADA

     

     

    Giovedì 14 Luglio serata di lode ore 20.45

    in oratorio a Latisana

    Giovedì 21 Luglio serata di lode ore 20.45

    in oratorio a Latisana

    Da giovedì 28 Luglio gli incontri verranno sospesi per pausa estiva. Ci vedremo a settembre…

     

    Il nostro slogan è: Ma Dio va in vacanza? No. E tu? Quindi?

     

    Riposa e divertiti di più ma fallo sempre con Gesù!

     

     

  • Settembre

    3 Sabato e 4 Domenica

    Settembre

    7  Mercoledì

    Settembre

    9 Venerdì

    Settembre

    15 Giovedì

    Settembre

    Settembre

    22 Giovedì

    Settembre

    29 Giovedì

    Settembre

    La Comunità Fonte di Acquaviva

    riprende gli incontri di preghiera

     

    “Donare per aiutare”  Latisana

    Sabato 3 ore 15.00-22.00 e Domenica 4  ore 15.00-22.00 in Piazza Latisana.

    “Donare per aiutare” è un Progetto che vede alcuni dei membri della nostra Comunità presenti presso uno stand messo a disposizione dell’Associazione Pro Latisana in occasione della grande festa tipica locale. Allo stand vedrete esposti oggetti artigianali realizzati dai giovani ma anche idee regalo per gli altri e per se stessi come magliette, borse, agende e penne con messaggi cristiani.

     

    “Donare per aiutare” è un invito a donare un po’ del proprio tempo al Signore rimanendo su una piazza per incontrare i tanti volti che Dio ci manda.

    “Donare per aiutare” è una modalità scelta perché l’altro attraverso il suo dono permette di avvanzare nell’opera dell’evangelizzazione.

     

    “Donare per aiutare” è reso possibile grazie alla collaborazione dell’Associazione Soffio di Vita, di cui la nostra comunità è gemellata e il cui fine è riuscire sempre a dare un piccolo contributo ai bambini più disagiati dei Paesi in cui opera l’Associazione.

     

    Allora vieni anche tu sabato 3 settembre 2016 dalle ore 15.00 alle ore 22.00 e domenica 4 settembre dalle ore 15 alle ore 22.00 a visitare lo stand e ricevere personalmente la buona notizia: Dio ti ama!

     

    Ti aspettiamo con gioia!!!

    Mercoledi’ 7 Settembre ore 20.30 a Pertegada di Latisana

    ******   INCONTRO ANNULLATO  ******

    S. MESSA CON PREGHIERE DI GUARIGIONE E DI LIBERAZIONE celebrata da Don Daniele Panzeri

     

     

     

     

    PRIMA LETTURA DELLA SANTA MESSA

    1Cor 7,25-31

    Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

    Fratelli, riguardo alle vergini, non ho alcun comando dal Signore, ma do un consiglio, come uno che ha ottenuto misericordia dal Signore e merita fiducia. Penso dunque che sia bene per l’uomo, a causa delle presenti difficoltà, rimanere così com’è.
    Ti trovi legato a una donna? Non cercare di scioglierti. Sei libero da donna? Non andare a cercarla. Però se ti sposi non fai peccato; e se la giovane prende marito, non fa peccato. Tuttavia costoro avranno tribolazioni nella loro vita, e io vorrei risparmiarvele.
    Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve; d’ora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non l’avessero; quelli che piangono, come se non piangessero; quelli che gioiscono, come se non gioissero; quelli che comprano, come se non possedessero; quelli che usano i beni del mondo, come se non li usassero pienamente: passa infatti la figura di questo mondo!

    Parola di Dio

     

    SALMO RESPONSORIALE

    Sal 44

    Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio.

    Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio:
    dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
    il re è invaghito della tua bellezza.
    È lui il tuo signore: rendigli omaggio.

    Entra la figlia del re: è tutta splendore,
    tessuto d’oro è il suo vestito.
    È condotta al re in broccati preziosi;
    dietro a lei le vergini, sue compagne,
    a te sono presentate.

    Condotte in gioia ed esultanza,
    sono presentate nel palazzo del re.
    Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli;
    li farai prìncipi di tutta la terra.

    Canto al Vangelo

     Lc 6,23

    Alleluia, alleluia.
    Rallegratevi ed esultate, dice il Signore,
    perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo.
    Alleluia.

     

    VANGELO

    Lc 6,20-26

    Dal Vangelo secondo Luca

    In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
    «Beati voi, poveri, perché vostro è il regno di Dio.
    Beati voi, che ora avete fame, perché sarete saziati.
    Beati voi, che ora piangete, perché riderete.
    Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
    Ma guai a voi, ricchi, perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
    Guai a voi, che ora siete sazi, perché avrete fame.
    Guai a voi, che ora ridete, perché sarete nel dolore e piangerete.
    Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».

    Parola del Signore

     

     

    Venerdì 9 Settembre “Un’ ora con Gesù”

    presso la Chiesa di Latisanotta ore 20.30-21.30

    Un tempo per stare "cuore a cuore" con Gesù!

    Guiderà don Eugenio.

     

     

    Giovedì 15 settembre

    oratorio di Latisana ore 20.30

     

    Giovedì 15 settembre grande serata di preghiera ore 20.30 presso l’oratorio di Latisana con la gioiosa presenza di padre Peter Basaliza, responsabile nazionale del Rinnovamento Carismatico dell’ Uganda. Santa Messa e a seguire la preghiera per chiedere la guarigione e la liberazione!

    Aperte le iscrizioni. Non perdere questo momento... Scrivici subito…

    RICEVI QUESTO BAGNO DI LUCE….. ISCRIVITI SUBITO….

    DIO TI ASPETTA!!!

     

     

    GIOVEDì 22 SETTEMBRE

    SANTA MESSA E ADORAZIONE EUCARISTICA

    CON PADRE PETER BASALIZA

    RESPONSABILE NAZIONALE DEL RINNOVAMENTO CARISMATICO DELL’ UGANDA

    IN ORATORIO ALLE ORE 20.30

     

     

    L’adorazione eucaristica non è un lusso ma una priorità

    (Papa Benedetto XVI)

     

     

     

    Qual è lo scopo dell’adorazione? L’unità con Gesù vivo nel Sacramento. Non quindi maturare nuove idee o capire nuove cose, ma entrare in un rapporto di intimità, ascoltare nel silenzio il Signore, lì presente, che parla. In una parola: incontrarlo. Così padre Raniero Cantalamessa presenta il fine dell’adorazione: “Altro non è che stabilire un contatto, cuore a cuore, con Gesù realmente presente nell’Ostia e, attraverso di Lui, elevarsi al Padre nello Spirito Santo”.

    GIOVEDI 29 PREGHIERA DI LODE

    Oratorio di Latisana ORE 20.30

    Cos'è la lode? Essa differisce, per esempio, dal ringraziamento. Quando ringrazio Dio, gli manifesto la mia gratitudine per i suoi doni e, nel mio ringraziamento, li riferisco a lui. Ma quando lodo Dio, non lo faccio per quello che mi dona, ma per lui stesso. La lode è il punto in cui il ringraziamento diventa ringraziare Dio perché è Dio: come nelle parole del "Gloria": 'Ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa".

  • Ottobre

    13 Giovedì Ottobre

    15 Sabato Ottobre

    20 Giovedì Ottobre

    29 Sabato e 30 Domenica

    Ottobre

    31 Lunedì Ottobre

    Veglia per il secondo convegno della comunità

     

    FONTE DI ACQUAVIVA

     

    Oratorio Latisana ore 20.30

    secondo convegno della comunità

     

    FONTE DI ACQUAVIVA

     

    SABATO 15 OTTOBRE 2016 ORE 8.30

     

    Via Della Liberta 123 Latisana (frazione Latisanotta)

     

     

     

    locandina:   img1  img2

    Corso Nuova Vita

     

    Si parte…

    Giovedi 20 ottobre ore 20.30 Latisana

     

     

    29 – 30  OTTOBRE  2016

    PELLEGRINAGGIO A  COLLEVALENZA

     

     

     

    Vedi Locandina..........Link

    GRANDE INCONTRO DI PREGHIERA

    Lunedì 31 0ttobre 2016

    Vigilia della Solennitò di Tutti i Santi

    con PADRE GEORGE BIJU

    Missionario congregazione Vincenziana dell’India

    Ore 20.00 Preghiera comunitaria carismatica –catechesi in preparazione alla Solennità di tutti i Santi

     

    Ore 21.00 Santa Messa seguirà Adorazione Eucaristica con preghiera di intercessione

  • Novembre

    8 Martedì

    Novembre

    17 Giovedì

    Novembre

    23 Mercoledì

    Novembre

    24 Giovedì

    Novembre

    26 Sabato

    Novembre

    27 Domenica

    Novembre

    Martedì 8 Novembre  ore 20.00

    incontro per coppie e famiglie

    guidata da PIERRE E LAURENCE GILISSEN provenienti dal Belgio e da PAOLO(diacono) E ORNELLA LANO della Casa di Cana

    Oratorio Latisana

     

     

     

    Il ritiro, che sarà animato da Pierre e Laurence Gilissen e da Paolo e Ornella Lano, si sviluppa attraverso insegnamenti, testimonianze, preghiera sulla Parola di Dio e incontri personali.

    Vi aspettiamo numerosi

     

     

    Giovedì 17 Novembre ore 20.00 Latisana

    Corso Nuova Vita

     

     

    Mercoledi 23 Novembre ore 20.00 Latisana

    Corso Nuova Vita

    condotto da don Eugenio

     

     

    Giovedi 24 Novembre ore 20.00 Latisana

    Corso Nuova Vita

    condotto da don Lelio

     

     

    Padre Dermine

    Sabato 26 ore 14.30 chiesa di Latisanotta

     

    Ore 14.30: Tema “ Frutti, doni e carismi dello Spirito Santo

    Ore 16.00: Celebrazione Eucaristica con preghiera per ricevere frutti, doni e carismi dello spirito santo

    Ore 17.30: conclusione

     

     

    “Nella prospettiva cristiana il carisma è ben più di una qualità personale, di una predisposizione di cui si può essere dotati: il carisma è una grazia, un dono elargito da Dio Padre, attraverso l’azione dello Spirito Santo. Ed è un dono che viene dato a qualcuno non perché sia più bravo degli altri o perché se lo sia meritato: è un regalo che Dio gli fa, perché con la stessa gratuità e lo stesso amore lo possa mettere a servizio dell’intera comunità, per il bene di tutti. Parlando in modo un po' umano, si dice così: “Dio dà questa qualità, questo carisma a questa persona, ma non per sé, perché sia al servizio di tutta la comunità… Nessuno può dire: “Io ho questo carisma”. È all’interno della comunità che sbocciano e fioriscono i doni di cui ci ricolma il Padre; ed è in seno alla comunità che si impara a riconoscerli come un segno del suo amore per tutti i suoi figli.

    Ognuno di noi, allora, è bene che si domandi: “C’è qualche carisma che il Signore ha fatto sorgere in me, nella grazia del suo Spirito, e che i miei fratelli, nella comunità cristiana, hanno riconosciuto e incoraggiato? E come mi comporto io riguardo a questo dono: lo vivo con generosità, mettendolo a servizio di tutti, oppure lo trascuro e finisco per dimenticarmene? O magari diventa in me motivo di orgoglio, tanto da lamentarmi sempre degli altri e da pretendere che nella comunità si faccia a modo mio?”.(Papa Francesco)

    Padre Dermine, nato a Saint-Hyacinthe (Canada) nel 1949.

    Dopo il conseguimento di un B.A. in storia e scienze politiche dell’Estremo-Oriente presso l’università McGill di Montréal, trasferimento in Italia nel 1972 per entrare nell’Ordine dei Predicatori; ordinazione sacerdotale nel 1979.

    Nel 1981, licenza in teologia presso lo Studio Domenicano di Bologna.

    Nel 1984, co-fondatore e, poi, presidente del GRIS (Gruppo di Ricerca e di Informazione Socio-religiosa), deputato alle questioni di religiosità alternativa dalla CEI, che ne approva gli statuti.

    Dal 1986 al 1990 insegnamento di etica sociale nel triennio filosofico e, dal 1990, di teologia morale presso lo STAB (Studio Accademico Teologico Bolognese) diventato poi, nel 2003, la FTER (Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna).

    Nel 2000, dottorato in sacra teologia alla Pontificia Università San Tommaso (Angelicum) di Roma con una tesi intitolata: La mistica e la medianità nei loro atti rispettivi.

    Professore invitato dalla FTTr (Facoltà teologica del Triveneto) dal 2008, dallo Studio Teologico Sant’Antonio di Bologna (2013) e, a partire dal 2015, collaborazione con l’ISSR di Pescara

    Famoso per le sue trasmissioni in diretta il terzo mercoledi di ogni mese ai microfoni di radio Maria

     

     

     

    PULLMAN ECCEZIONALE PER MARGHERA (VE)

    DOMENICA 27 NOVEMBRE

    DON DANIELE PANZERI

     

    Iscrivetevi subito per andare in pullman domenica 27 novembre a Marghera alla Messa celebrata da Don Daniele Panzeri con preghiera di guarigione e liberazione. Tel. 3395664503

     

     

     

    Partenza da:

    PORPETTO  ore 12.15

     

    Fermate:

    LATISANA

    PORTOGRUARO

    S. STINO DI LIVENZA

    NOVENTA

     

    Il rientro è previsto per le ore 19.30

     

     

  • Dicembre

    dal 2 Venerdi al 4 Domenica

    Dicembre

    4 Domenica Dicembre

    15 Giovedì Dicembre

    25 Domenica Dicembre

    ATTENZIONE EVENTO ANNULLATO

    CORSO DI GUARIGIONE INTERIORE

     

    Dalla sera di venerdi 2 dicembre al pomeriggio di domenica 4 dicembre

    Vivere un'esperienza spirituale che ci aiuta a guarire dalle ferite più profonde della nostra vita

     

    Aperto a tutti.

     

     

    Relatore don Danilo Minosa (Assistente spirituale Centro Kerigma). Sacerdote della diocesi di Taranto.

     

    Accoglienza presso l’oratorio di Latisana Venerdì 2 dicembre dalle ore 20.00 alle ore 22.00.

    Poi il restante Corso si svolgerà presso la Casa Betania -Via Aprilis, 23 -San Quirino – PN.

    Sabato 3 alle ore 9.30/12.30 – 14.30/17.30

    Domenica 4 dalle ore 9.30/12.30 alle ore 14.30/17.30

     

     

    GIORNATA DI EFFUSIONE

    Domenica 4 Dicembre

    presso la casa Betania - S.Quirino (Pordenone)

    Programma della giornata:

     

     

    ore 9.30   accoglienza

    ore 10.00 preghiera per la guarigione in preparazione all'effusione

    ore 12.00 conclusione e pranzo

     

    dalle ore 15.00 alle ore 18.00 Santa Messa e preghiera per ricevere l'Effusione

    Giovedì 15 Dicembre

    Serata di Lode

    ore 20.45 presso l'oratorio di Latisana

     

     

    Aperto a tutti.

    La Misericordia ha aperto i cieli

     

    Il Natale non è soltanto una ricorrenza temporale oppure un ricordo di una cosa bella. Il Natale è di più: noi andiamo per questa strada per incontrare il Signore. Il Natale è un incontro! E camminiamo per incontrarlo: incontrarlo col cuore, con la vita; incontrarlo vivente, come Lui è; incontrarlo con fede. Ma occorre avere il cuore aperto. In questo cammino verso il Natale ci aiutano alcuni atteggiamenti: la perseveranza nella preghiera, pregare di più; l’operosità nella carità fraterna, avvicinarci un po’ di più a quelli che hanno bisogno; e la gioia nella lode del Signore. Dunque: la preghiera, la carità e la lode, con il cuore aperto perché il Signore ci incontri.

     (Papa Francesco)

     

     

    LA COMUNITA’ FONTE DI ACQUAVIVA  AUGURA  A TUTTI UN SERENO PERIODO NATALIZIO CON L’INVITO A LASCIARSI INVADERE DALL’AMORE DI DIO!